Cos’è il Work Life Balance e perché non puoi farne a meno

Tempo di lettura dell’articolo: 2 minuti e 30 secondi

Ormai ne sentiamo parlare spesso, ma qual è il significato di work life balance?

Per Work Life Balance si intende la capacità di bilanciare in modo equilibrato il lavoro e la vita privata.

Il termine “Work Life Balance” nasce nel Regno Unito alla fine degli anni ’70 per indicare, appunto, l’equilibrio tra il lavoro di una persona e la sua vita personale.

Di cosa parliamo

Work Life Balance: cos’è e perché è così importante

Ok, abbiamo capito il significato di Work Life Balance, ma perché è importante per te?

Sebbene la vita lavorativa e quella privata  siano strettamente legate è importante definire i limiti per evitare che le due sfere si sovrappongano. 

Proprio perché se la vita privata non è ben separata da quella lavorativa può accadere che stress e tensione prendano il sopravvento

Te ne sarai accort* in questo ultimo anno e mezzo di emergenza covid-19: la gestione del lavoro è cambiata, soprattutto per chi ha dovuto lavorare da casa. 

Ebbene sì, lavorare in remoto richiede qualche piccolo accorgimento e il sapersi gestire

Le aziende non erano preparate e questo ha avuto ripercussioni sulla vita del lavoratore

Allo stesso tempo c’è chi, invece, non ha avuto alcuna possibilità di lavorare da casa e, in più, ha dovuto assorbire una mole di lavoro al di sopra delle proprie possibilità. 

Insomma, è necessario tenere sotto controllo il proprio Work Life Balance perché senza il giusto equilibrio non potremo mai essere lavoratori felici e tutto il resto ne risentirà.

Il significato di avere un Work Life Balance positivo

Avere un Work Life Balance positivo consiste nel gestire separatamente la propria vita lavorativa da quella privata in modo equilibrato tanto da sentirsi appagati e raggiungere i propri obiettivi dedicando il giusto tempo senza spreco di energie. 

Non esiste un modello giusto o sbagliato di Work Life Balance. Il giusto equilibrio tra vita personale e lavorativa è soggettivo, ognuno deve crearsi il proprio adattandolo alle proprie esigenze. 

Work Life Balance in italia

Il concetto di Work Life Balance è stato coniato nel Regno Unito ma ne sentiamo spesso parlare anche in Italia da quando lo smart working si è diffuso a seguito dell’esplosione del Covid-19.

Sebbene inizialmente lo smart working sia stata una ventata di benessere nel tempo si è scoperto che però ha anche i suoi svantaggi: il più diffuso è quello di non tenere più separata la vita lavorativa da quella privata

Da qui la correlazione con il Work Life Balance: lo sconfinamento della vita lavorativa nella vita privata è diventato sempre più diffuso portando a stati di stress e ansia.

Abbiamo parlato degli svantaggi dello Smart Working proprio qui .

E’ importante definire bene i limiti della vita lavorativa e quelli della vita privata pur lavorando da casa: scandire il tempo come se si fosse in ufficio è un’ottima base di partenza. 

Purtroppo non esiste un modello uguale per tutti da seguire per avere un Work Life Balance positivo, ma la cosa importante è che si crei quello più funzionale per sé stessi.

Work Life Balance in smart working

Le aziende possono intervenire affinché i propri dipendenti raggiungano anche in smart working un Work Life Balance positivo.

Infatti, come riportato nel Rapporto 2019 Welfare Index PMI il 59,2% delle imprese italiane hanno adottato progetti per armonizzare vita lavorativa e familiare, intervenendo sull’organizzazione, come ad esempio la flessibilità oraria.

Cosa suggerisce il "Welfare Index PMI" per migliorare il Work Life Balance?

Come si può leggere da pagina 61 del rapporto sopra citato, le iniziative aziendali sono state suddivise in quattro gruppi:

  1. flessibilità nell’organizzazione del lavoro;
  2. misure a sostegno alla genitorialità;
  3. supporti di facilitazione al lavoro;
  4. altre misure a sostegno dei lavoratori e delle famiglie.

I servizi che le aziende offrono ai propri dipendenti in favore di un Work Life Balance positivo sono: 

  • asilo nido aziendale e/o asili convenzionati con l’azienda
  • servizi di babysitting
  • servizi di assistenza ad anziani e/o disabili
  • servizi per commissioni quotidiane (stireria, lavanderia, pagamento bollette)

Quali sono i vantaggi di un Work Life Balance positivo?

Un lavoratore con un Work Life Balance positivo è un lavoratore appagato nella vita personale e lavorativa. Un lavoratore appagato nella vita lavorativa è un lavoratore più produttivo ed efficiente.

In conclusione la gestione dell’equilibrio tra vita personale e professionale, meglio conosciuto come Work Life Balance, produce effetti benefici sia per i lavoratori che per le aziende.

Insomma, tieni sotto controllo il tuo Work Life Balance e sarai un lavoratore più felice! 

L’argomento è complesso e ha molte sfaccettature, seguici sul Blog o iscriviti alla newsletter per nuovi aggiornamenti su questo tema.

Potrebbero interessarti anche questi articoli: 

Questi articoli possono essere utili per il tuo lavoro in Smart Working, anche quando hai occasione di lavorare da casa.

Iscriviti alla Newsletter!

Parliamo di Smart Working, organizzazione del lavoro, rapporti con i colleghi..
e molto altro!

Print Friendly, PDF & Email

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su skype

Potrebbero piacerti anche questi articoli

Apri chat
1
Vuoi chiedere un preventivo?
Chiedici un preventivo senza impegno, inizia a chattare con noi!