fbpx

Smart working, si lavora meglio e fa bene alle imprese

Smart Working, si lavora meglio e fa bene alle imprese

In questi giorni stiamo sentendo parlare sempre più frequentemente di “Smart Working”  in conseguenza all’emergenza del Covid-19 (conosciuto come Coronavirus), ma cos’è lo smart working e come funziona?

Definizione di Smart Working

“Smart Working significa ripensare il telelavoro in un’ottica più intelligente, mettere in discussione i tradizionali vincoli legati a luogo e orario lasciando alle persone maggiore autonomia nel definire le modalità di lavoro a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati. Autonomia, ma anche flessibilità, responsabilizzazione, valorizzazione dei talenti e fiducia diventano i principi chiave di questo nuovo approccio.” 

Mariano Corso, responsabile scientifico dell’Osservatorio Smart Working, Politecnico di Milano.

Al contrario di quello che si potrebbe pensare lo Smart Working non è sinonimo di lavorare da casa, ma un metodo che permette di migliorare la produttività, l’organizzazione e la vita del lavoratore. 

Questo avviene anche – ma non solo – lavorando al di fuori delle mura dell’ufficio. 

In Italia si inizia a pensare al concetto di Smart Working nel 2014 con la proposta di legge che ha come obiettivo quello di permettere al mercato del lavoro di avere più elasticità, ma solo dopo un interminabile iter parlamentare – ebbene sì, dopo quasi 4 anni! –  il 13 giugno del 2017 è stata emanata la Legge 81, volta a disciplinare le misure per agevolare l’organizzazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato. 

Ma lo Smart Working non è “lavorare da casa = far niente”, anzi. Purtroppo questo è un pensiero comune a causa della scarsa conoscenza di questa metodologia di lavoro, ma noi abbiamo tutti i dati per farvi cambiare idea.

Quali sono i vantaggi dello Smart Working?

Hai 8 ottime ragioni per agevolare lo smart working nella tua azienda (e, se sei un dipendente, di chiedere al tuo capo di prendere in considerazione questa scelta):

Aumento della produttività
Diminuzione della percentuale di assenteismo
Aumento della motivazione e della soddisfazione
Riduzione dei tempi e costi di trasferimento e conseguente riduzione dello stress
Miglioramento del work-life balance (una trasformazione positiva dell’equilibrio tra lavoro e vita privata dei lavoratori)
Riduzione delle emissioni di CO2
Riduzione del traffico
É la soluzione ottimale per situazioni di emergenza esattamente come quella che stiamo vivendo da qualche settimana a questa parte con l’esplosione del Covid-19: lavorare anche da casa non ferma le aziende e allo stesso tempo permette di seguire le direttive imposte dal Ministero della Salute

Perciò i vantaggi non sono solo per i lavoratori ma anche per le imprese, la società e l’ambiente. Il futuro è agile, vale la pena esplorare nuove gestioni del lavoro e migliorare sia la vita dei propri dipendenti / collaboratori che la produttività aziendale. 

Se siete interessati agli aspetti tecnici e sociali potete reperire maggiori informazioni su L’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, il quale si occupa di studiare l’evoluzione del modo di lavorare delle persone.   

Siete fra gli Smart Worker? Condividete con noi la vostra esperienza lasciandoci un commento 😉

(… e non dimenticate che se volete risparmiare sui costi di stampa potete chiedere un preventivo per i nostri Toner compatibili!)

Credits: Foto di bongkarn thanyakij da Pexels

Ti è piaciuto? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su skype

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
1
Chiedici un preventivo senza impegno, inizia a chattare con noi!